Scrittura privata

In EstrogeNews, Estroscommesse, Riflessioni
Questo post inizia al contrario. Dalla fine. Dall'end. Anzi dal back-end. Dal cuore di quello che c’è dietro le quinte. Da quello che nessuno sa, da quel che nessuno ti chiede o vuol sapere. Da quel che se non fai un mestiere in proprio o  non l’hai vissuto in famiglia, non immagini. È un miscuglio di fatica costante, fiducia, entusiasmo, timore, responsabilità che ti fa spostare sempre più avanti l'inizio delle ferie o del weekend. È un continuo studiare, leggere, approfondire, conoscere, immaginare, progettare. È un continuo fluire, ripartire. È un movimento costante. Un divenire inarrestabile. Un errare itinerante. È un tenere nonostante i conti, il mutuo, i crediti inevasi, le tasse, la crisi, i colpi bassi. È un allenamento alla ricerca di un equilibrio tra mollare e attendere, tra un’aspettativa delusa e un sorriso inatteso, tra una porta sbattuta e una conferma improvvisa, tra malafede e ignoranza, tra sapienza e costanza.  Sempre in bilico tra arresti e partenze. In una posizione privilegiata, forse, ma scomoda e precaria certo. È un esercizio antico a stimolare la virtù dei forti la pazienza, la pratica degli innovatori il coraggio, la capacità dei calciatori a cadere rotolando per diluire l'energia dell'impatto. Si fa impresa anche per questo, nonostante questo, grazie a questo. Ma veniamo  al front.  Se provassi a sintetizzare il lavoro di questi mesi direi back to the future. Se volessi visualizzarlo, metterei un calendario a segnare le tappe delle tante nascite di Estrogeni: 2003, 2007, 2008, 2013, 2015. In questi ultimi due mesi,  quando la fatica dell'anno si sente, quando il meteo ti riserva l'estate più calda di sempre, quando il fisico ti molla… ecco che, puntuale, ciclica, arriva la nuova fase. Estrogeni vive una nuova stagione, te ne accorgi dai volti nuovi che frequentano l'ufficio. Dai nuovi brief. Dai volti confusi di chi non sa più chi sei e cosa fai. Dagli scambi di email. Dall'aria che circola. La struttura di un tempo lascia il posto a una società di consulenza strategica. La creatività si sposta sui clienti esteri, tedeschi per lo più e il ruolo principale, il core diventano le attività di intelligence, che poi altro non è che passione di te applicata al prossimo, a ogni cellula del prossimo. Sentiment analysis, SEO, stesura di progetti partecipati e di partecipazione, il contatto con l'innovazione fatta a mano, il pensiero che si fa brevetto. Ritornano persone conosciute anni fa, ex colleghi di altre vite professionali, compagni di classe, ex clienti che non ti hanno dimenticato. Amici di clienti che ti hanno apprezzato. La nostra struttura è fatta di un'alchimia strana. Originale. Ci sono le nostre facce, la curiosità e l'attitudine a imparare e sperimentare - che sia un progetto, una tecnologia, un lavoro mai fatto -,  ci sono le porte aperte o i vetri trasparenti dei nostri uffici agli incontri da cui, sempre, possono nascere opportunità. Ci sono la pazienza e la tenacia. La passione e la dedizione. La stima per chi ti apprezza e per chi, coraggiosamente, non ti apprezza. L'onestà intellettuale, la trasparenza. L'educazione. Ci sono la capacità di mantenere rapporti lunghi, di coltivare le relazioni. Di assecondare il mercato. Di immaginare il futuro, oggi. Di progettare in grande con piccoli budget. Di investire tanto su volti sani. Nessuno dica che un saluto non serve. Che un sorriso sia di troppo. Che una disponibilità fuori luogo e fuori tempo sia sprecata. Che una email ben scritta non serva. Che la cura dei social sia tempo perso. Iniziamo questa seconda parte dell'estate con un contratto con la LIRH che ci permetterà di sperimentare un modello di etnografia digitale applicata alle malattie rare, salutiamo con un arrivederci l’esperienza breve ma intensa con IPSOA e le tante iscrizioni portate al master tributario, lavoriamo per una gara in WIND, rafforziamo la collaborazione con l'Istituto Pasteur, continuiamo a contrarre sponsor per la più attesa mostra d'arte di fine anno, entriamo nel vivo dell'organizzazione di un nuovo festival cinematografico a Todi, raccogliamo inviti a presentare la nostra visione del digital banking. In una parola, viviamo. Come se fossimo ancora all'inizio, giusto?    

Share and Enjoy