Quest’anno

In Auguri, Riflessioni, Vita aziendale
Quest'anno, ci ripenso ora, il mio approccio al Natale è stato totalmente laico. Un approccio low profile, understatment, sobrio per usare un più pertinente termine italiano. Leggo il profondo scollamento tra le immagini e le proposte di vetrine, tv e web e penso a un natale con i piedi per terra. Nella forma e nella sostanza. In giro non ci sono notizie rasserenanti: lontano il sud Sudan ritorna ad essere noto per la guerra civile, in casa fai fatica a mettere insieme l'elenco delle notizie più sconvolgenti tra evasioni fiscali e non, povertà, suicidi, perdita di lavoro, in casa vicino vicino registro gli effetti della terra dei fuochi cui presto dedicheremo un'intervista. In Estrogeni - in questi mesi - mi è sembrato di vivere come formiche. Lavorando costantemente e silenziosamente. Mettendo insieme briciole su briciole. Volando alto ma con i piedi per terra. il 2013 è stato laborioso e operoso e forse quest'anno il bilancio torna (tiepidamente) positivo. Gli aggiornamenti della pagina FB del nostro Amministratore  registrano ultimamente la perdita di due gare ma quelle, lo sappiamo, non fanno per noi. Così come non fanno per noi alcune amarezze inattese e incomprensibili sul piano umano ma fanno parte della vita e anche noi siamo vita, che sbaglia e fa bene. Fanno per noi le relazioni. Quelle costruite lentamente e quotidianamente. Le attese. Sono da noi le intuizioni che richiedono di osare, con inventiva e faccia tosta. Coltivando tenacia e costanza. In quest'anno, il decimo della nostra attività, ripenso velocemente alla prima stanza a via Corsica, al sottoscala di via Vasi e alle frasi di chi, all'epoca, ci diceva bravi ma non ci dava fiducia perché eravamo piccoli, perché eravamo italiani, perché perché perché, in fondo, eravamo noi. Troppo ambiziosi, forse, e troppo defilati, troppo. Ecco, questo è stato l'anno dei riconoscimenti. La conferma che per fare impresa servano due cose e un additivo. Faccia pulita, testa pensante (e sognante) e buona educazione. Il resto, se serve, si impara. Il resto, se serve, si cerca o si costruisce. Quest'anno abbiamo ritrovato, rinnovato e consolidato il rapporto con clienti storici, storicamente anche nostri. In questi mesi, l'analisi del sentiment, quella per cui abbiamo competitor mondiali ma non umani, ci ha visto diventare punti di riferimento per il cinema e aprire le strade per il settore della new economy. Quest'anno i due clienti internazionali che abbiamo seguito negli ultimi anni, hanno iniziato a camminare da soli, segno del fatto che le attività, se impostate bene, possano continuare facilmente senza un nostro coinvolgimento diretto. Quest'anno, che abbiamo due estrogenini in più e una nuova nascita in arrivo, ci sarebbe piaciuto dire speriamo che sia femmina, ma qui, si sa di Estrogeni ce ne sono a sufficienza.

Share and Enjoy