Guestbook. Intervista a Barbara Aprile

In Guestbook
Intervistare Barbara vuol dire fare un tuffo nel passato con uno sguardo al futuro. E alla prossima estate. Quando ci siamo conosciute, 25 anni fa, al mare, lei era amica di mia sorella. Estate dopo estate, abbiamo condiviso sogni, amori, progetti e speranze. Poi le strade si sono divise. Ci siamo riviste qualche anno fa e Barbara - giovane laureata - era lanciata nell’azienda di famiglia. La scorsa estate, invece, mi ha raccontato dell’avvio di questo nuovo progetto. E mi ha incuriosito. Quella di oggi è un’intervista che mi emoziona per tanti aspetti. È l’intervista alla più giovane tra le nostre imprenditrici. È l’intervista a chi, senza timore, molla il certo (l’azienda di famiglia) per seguire un sogno. È l’intervista a chi decide di scommettere due volte: condividere un’amicizia anche nel lavoro e puntare su un sogno. Ambizioso come il nome che ha scelto per la sua azienda: Fly High. Fly High, si legge sul sito nasce da un sogno, trasformare la passione per il bello in un evento unico e speciale. Prima, però, facevi altro: come sei arrivata a creare impresa? Da dove sei partite? Io e Claudia, la mia socia, siamo amiche da una vita, abbiamo sempre condiviso passioni e sogni e tra questi il desiderio di poter lavorare nell’ambito dell’organizzazione dei matrimoni. Un pomeriggio di circa quattro anni fa parlavamo delle difficoltà che entrambe incontravamo nel mondo del lavoro a causa della crisi che imperversava nei rispettivi settori di provenienza: orafo e abbigliamento. Così decidemmo che era arrivato il momento di rendere reale il nostro sogno. Il pomeriggio stesso contattammo un’azienda di Roma specializzata nell’offerta di servizi di flower and events design, ed il giorno dopo eravamo già in partenza per Roma per incontrare la titolare di questa azienda…. da lì incominciò la nostra avventura. Qual è stata la molla che ti ha spinto a lasciare un’esperienza di famiglia, sicura e consolidata, e a dedicarti al tuo sogno? La crisi, che imperversava e tutt’oggi imperversa nel settore dei preziosi, è stata la molla che in quel momento mi ha spinto ad iniziare una nuova avventura, e poi la passione, il desiderio di far prendere vita ad un sogno. La tua attenzione si concentra sui fiori. Da lì, poi si parte per l’organizzazione del matrimonio. Perché questa scelta? Ci racconti più nel dettaglio di cosa si occupa Fly High e il perché di questo nome? Dal fiore, lavorato nelle tue mani, prende vita la scenografia di ogni evento. Il fiore insieme a tanti altri elementi ti permette di creare un mondo, esprimere la tua creatività, interpretando al meglio le esigenze di chi hai di fronte. Non sei un semplice coordinatore di un evento, ma una parte attiva e creativa di esso… Fly High vuol dire “volare alto” e il nostro obiettivo, sin dalla nascita della nostra azienda, è stato quello di offrire un servizio unico, speciale, personalizzato per ogni cliente e dalla personalità ben definita. Ci distinguiamo perché non offriamo un prodotto preconfezionato ma un prodotto cucito su misura, progettiamo la scenografia di ogni evento, la costruiamo con le nostre mani e siamo presenti durante lo svolgimento degli stessi. Che cosa vuol dire fare impresa a Napoli? Quali le sfide che affronti ogni giorno? La nostra impresa si occupa di organizzare eventi, per una nuova realtà la sfida più grande è farsi conoscere. Come comunichi i servizi e l’attività che offri? Quanto ti aiutano i social e la comunicazione digitale in genere? Attraverso il web, i social che rappresentano un'importante vetrina. Quali sono i sogni di Fly High ancora da realizzare? Che cosa consiglieresti a chi ha un sogno e vuole creare impresa? Aumentare la conoscenza del nostro marchio sul territorio e offrire insieme ai nostri partner e collaboratori un servizio sempre più completo. Presto proporremo una linea di oggetti e segnaposto firmati Fly High. Non c’è niente di più bello che lavorare facendo un qualcosa che ti piace e condividere questa esperienza con un’amica. I sogni si realizzano solo se ci credi fino in fondo e a chi vuole realizzarli e creare impresa consiglierei di avere il coraggio di provarci, non mollare alle prime difficoltà che sicuramente ci saranno, e di cominciare pian pian per poi spiccare il volo!  

Share and Enjoy