Hysteria. Ovvero, vibrazioni riuscite

In Recensioni

Ti aspetti un film forte nei contenuti erotici, che parli della storia (assolutamente vera) dell'invenzione del vibratore come soluzione definitiva agli isterismi delle donne fine ottocento.
Rimani sorpreso invece di assistere a una commedia brillante ben recitata da tutti gli attori principali. Maggie Gyllenhaal (la ricordate la fanatica hippie anti-passeggini in American Life?) nella parte di Charlotte, Hugh Dancy nella parte del Doctor Granville, Jonathan Pryce nella parte del Doctor Dalrymple, Rupert Everett nella parte del ricco Lord Edmund St. John-Smythe, assistente elettrico del Dr Granville per il funzionamento della macchina.
Ti coinvolge un insieme di elementi trattati che trovi abbastanza lontani dall'erotismo: la nuova medicina lontana dai salassi e roba simile e vicina all'igienismo e alle allora nuove teorie; le nuove invenzioni tecnologiche collegate al primo utilizzo della forza motrice; il nascente telefono; il femminismo con la spinta che viene data in quegli anni alle rivendicazioni per il suffragio universale.
In particolare, questo tema trovo che si leghi benissimo a quello dell'isteria e mette in primo piano le donne, quelle combattive, dolci e misericordiose ma anche forti e sicure di sé tanto da rischiare una condanna e il manicomio criminale perché colpevoli non di isteria, ma di avere e diffondere idee innovative. Quelle donne, complemento alla vita di (quasi) ogni uomo, che cercano non l'uomo ideale che possa essere il compagno della vita, ma un equal che, diciamocelo fra uomini, non è assolutamente scontato che trovino.
Quindi, film ben riuscito e bel risultato, come mia prima volta ad un Festival del Cinema.
Ottima regia (di Tanya Wexler), bella recitazione e, auspico, buon interesse da parte del pubblico. Sarebbe un'ottima occasione per scovare uomini che ancora non sono convinti femministi.

Share and Enjoy

  • Al Wonttell

    vorrei vedere il trailer, ma ho paura che la siae mi piombi dentro casa. so che questo film mi piacera’

  • Alessandro

    Per la semplice visione del trailer non dovresti rischiare nulla, al massimo potrà avere problemi chi l’ha caricato su YouTube ;)

  • Antonio Pedicini

    trailer rimosso :(

  • Alessandro

    Sostituito, ora si vede :)