Guestbook. Intervista a Massimo Vecchio

In Guestbook
A dispetto del nome, il nostro hostwriter odierno è uno di quelle persone semplicemente fresche di cervello che non invecchieranno mai. Massimo Vecchio è un SysAdmin. Tradotto in potabilese si occupa della progettazione, manutenzione e aggiornamento di sistemi informatici. Ma è soprattutto un webbofilo. Mosso da una irrefrenabile curiosità, esplora la rete fin dai tempi del 14k (quindi è anche un tipo terribilmente paziente il nostro ospite). Dopo essersi fatto notare ai tempi in cui erano i Live Space di Msn a spopolare, oggi cura un blog che fa parte di un progetto di Urban Blog promosso da Virgilio un paio d'anni fa. Lo scopo è quello di parlare di tutte quelle notizie inerenti alla sua (nostra) città che sono di pubblica utilità, ma che per effetto dell'agenda setting non passano sui media tradizionali. Allora abbiamo chiesto a Massimo di parlarci della sua seconda vita virtuale. Ciao Massimo! Benvenuto e grazie per aver accettato l'invito a fare due chiacchiere sul nostro blog. Partiamo subito parlando del tuo blog, VirgilioSalerno. Quando è iniziata la tua esperienza e come sei stato contattato per partecipare al progetto? Grazie a voi per la bella introduzione (troppo buoni) e per la possibilità che mi offrite di chiacchierare con voi. L'esperienza di VirgilioSalerno inizia in maniera del tutto casuale nel maggio 2009 con un "In linea di massima, potrebbe interessarmi." in risposta ad una mail ricevuta dalla Responsabile del Progetto 'Local Blog' per conto di Virgilio.it che, a sua volta (almeno credo, non ho mai approfondito la questione) era arrivata a me grazie al mio vecchio Space di Msn, oggi migrato sulla piattaforma di WordPress in seguito alla vendita della piattaforma Windows Live per l'appunto a WordPress. Attualmente, VirgilioSalerno è parte integrante del WebRing di Virgilio.it, formato da altri 14 LocalBlog (Bari, Bergamo, Brescia, Catania, Livorno, Messina, Modena, Padova, Parma, Ragusa, Siracusa, Taranto, Venezia e Verona) curati e gestiti da altrettanti 14 UrbanBlogger che come me e molto spesso meglio di me, raccontano la propria città. Il 2011 è considerato l'anno dei social media. Con l'avvento di Facebook molte piattaforme storiche stanno perdendo utenti, come ad esempio Myspace, altre sono state completamente abbandonate, come Windows Live Space. Se non sbaglio, un po' di tempo fa ti sei avventurato nel mondo di Second Life, oggi molto ridimensionato anch'esso, costrunedo la città di Salerno, ma il progetto non è andato avanti per mancanza di fondi. Che tipo di limiti hai trovato?
Per filosofia di vita, deformazione professionale, ma soprattutto per carattere, ho un approccio con le persone, il lavoro, le tecnologie, le novità che mi porta a pensare che i limiti che incontro siano sempre i miei e molto probabilmente Second Life ne è stata la dimostrazione. Creai il mio Avatar (Lapo Loon) nel marzo del 2007 e nel tempo libero iniziai la mia esplorazione di quel mondo virtuale che era capace di far parlare più le persone che ne erano fuori piuttosto che la comunità parte integrante del 'Metaverso'. Qualche mese per tentare di capirne le dinamiche, qualche altro in giro fra le 'realtà' italiane e subito dopo l'incontro virtuale con altri due giovanissimi salernitani (Emiliano Ruozzo e Lorella Rapuano), un aperitivo altrettanto reale alla Rotonda ed il 5 dicembre 2007 l'inaugurazione di una Land chiamata 'La Piazzetta', che era la fedele riproduzione in Prims di una parte della nostra bella Salerno. In un anno di attività, completamente autofinanziata (Second Life è una piattaforma virtuale ma pagamenti, fitti, costi gestione e tasse sono assolutamente reali), siamo riusciti a metterci in luce per numerose iniziative, quali mostre fotografiche, di pittura, scultura, dibattiti, iniziative culturali. Addirittua la cronaca nazionale si è occupata di noi quando, per la prima volta in Italia, un candidato al Parlamento ha tenuto il primo comizio elettorale in una Piazza virtuale (a Salerno). Nonostante questo, incontrai enormi difficoltà nel momento del bisogno a relazionarmi con chi avrebbe potuto darci una mano (una mano nel portafoglio). La maggior parte delle città ricreate su Second Life, a quel tempo, erano supportate economicamente e/o in quasi tutti i casi Istituzionalmente. Salerno non lo era, nonostante i miei tentativi (ecco venir fuori i limiti di cui sopra) di interfacciarmi con Enti, Istituzioni o Privati. Tutti mi chiedevano cosa si potesse vendere su Second Life ed era abbastanza frustrante dover rispondere "niente, ma...". Dopo poco il tutto finì con un avatar vagante orfano del suo creatore, un client sul pc non più aggiornato, tanto tempo libero guadagnato da dedicare ad altro, un blog a ricordo di quello che fu ed un esperienza che oggi mi date la possibilità di raccontare. Queste barriere, a distanza di anni e grazie all'importanza che rivestono oggi le piattaforme sociali per ogni tipo di attività commerciale, credi si siano abbassate? Da profano della materia, in tutta onestà credo che si sia semplicemente innalzata la soglia di attenzione e di interesse verso le piattaforme sociali che ha portato di conseguenza ad un ridimensionamento di quelle che fino a qualche anno fa poteva rappresentare una barriera (fittizia?) più o meno insormontabile. Il merito è senza dubbio delle dinamiche elementari e allo stesso tempo geniali alla base dei nuovi Social Network dove anche il più distratto degli iscritti ne 'subisce' passivamente cause, effetti e trend, animandone anche in maniera indiretta lo spirito di emulazione. Dmail Italia ogni mattina su Twitter mi chiede se la mia giornata prosegue bene, mentre in passato, 3 Italia ha preso in carico con gentilezza una mia problematica cronica portandola a brillante risoluzione nel giro di poco tempo e You Party Fonzies, simpaticamente, mi rimprovera se compro le San Carlo eppure, io ricordo abbastanza nitidamente che soltanto 3 anni fa continuavo a rispondere 'Niente' a chi mi chiedeva cosa si potesse vendere su di un Social Network. L'abbassamento delle barriere? Sarà stato merito delle San Carlo :) .

Share and Enjoy