Gunpania non è Campania

In Spigolature
Permettete? Un pensiero critico. Premessa. Odio parlare male dei miei concittadini. Ma quando la comunicazione sfocia nella maleducazione, allora c'è da mettere un paio di cose in chiaro. Inoltre, lo faccio su questo blog perché da qui ho iniziato a dare - nel mio piccolo - un po' di sostegno a Gunpania. E da qui, intendo finire. Prologo. Il senso di questo post nasce dopo aver letto quest'articolo sul blog Gunpania e dalla discussione che ne è scaturita. In breve, il tema del post è la partecipazione di Ferdinando Giordano a Grande Fratello. Ferdinando è un giovane salernitano che da quanto si legge è "figlio di Matteo Giordano, detto Mattè O' Luong', Affiliato ad un noto clan Camorristico Salernitano degli anni 80." Riporto ora lo stralcio dell'articolo scritto da Mr.Gunpania, da cui è scaturita la discussione. I Più Superficiali potrebbero dire: AH CHE SCHIFO! CHE VERGOGNA!!! DOBBIAMO BOICOTTARE GENTE COME FERDINANDO GIORDANO E PROGRAMMI COME IL GRANDE FRATELLO,CHE SFRUTTANO QUESTE TEMATICHE SOLO PER ALZARE L'AUDIENCE. Beh noi di Gunpania siamo daccordo in Parte, precisamente solo con la seconda parte. Ma proprio non ce la sentiamo di parlare male riguardo una persona come Ferdinando Giordano, una persona che ha sempre lavorato onestamente, e che per quanto ne sappiamo (E FIDATEVI CHE LO SAPPIAMO)ha sempre fatto sacrifici per emergere dalla condizione sociale in cui è nato. Quindi vogliamo dire a tutti i Salernitani, ai Campani, ma soprattutto ai meridionali di supportare Ferdinando Giordano in quest'avventura, perchè Nando Giordano rappresenta la parte sana di un Territorio troppo discusso, troppo sfruttato, troppo emarginato e troppo Giudicato. Nando non Rappresenta solo Salerno o la Campania. Nando sta rappresentando l'intero Sud. Il Fatto. Tra i commenti, mi sono permesso di rispondere che di certo non si possono addebitare ad un figlio le colpe di un padre e quindi è bene scriverlo in un articolo. Inoltre, mi sono permesso di aggiungere di non essere d'accordo sul fatto che lui rappresenti la voglia di emergere della Campania. Questa è stata la risposta di Mr.Gunpania: "perchè Nando Giordano rappresenta la parte sana di un Territorio troppo discusso, troppo sfruttato, troppo emarginato e troppo Giudicato...potresti negare questo? Allora conosci poco il tuo territorio..o conosci solo la parte patinata..noi ci battiamo affinchè nessuno dimentichi cosa è davvero il Sud.. La patina ve l'hanno data per non farvi pensare.Grazie dell'apprezzamento sull'articolo comunque sia." Epilogo. Sinceramente, mi sono sentito offeso. Perché? Perché io, i problemi del mio territorio me li vivo tutti i giorni. Dopo aver lavorato e studiato, ho avuto la fortuna di trovare questa occupazione. Un lavoro che la mia terra non mi avrebbe mai dato in tempi così brevi. Quindi, mi sono fatto la valigia e ora vivo a 300km lontano da casa, dalla mia famiglia e dalla persona che amo. Per colpa di un territorio gestito da quei poteri marci che citano i ragazzi di Gunpania. E come me tanti, tantissimi altri ragazzi del sud Italia, validi e competenti, sono costretti a lavorare lontani dalla propria terra di appartenenza. Se mi guardo intorno in quest'ufficio, la persona che viene dal punto più a nord è Mattia che è di San Giovanni, Roma. Su 15 persone che lavorano qui, la maggior parte è del meridione. E, per inciso, Alfredo, il mio ceo, è napoletano (ahimè, persino tifoso del Napoli). Per me, sono queste le persone che meritano di essere rispettate e che rispecchiano la "parte sana" di un territorio afflitto da problemi enormi ogni giorno. Perché hanno studiato e lavorato per emergere o migliorare la propria condizione di vita. Non certo un ragazzo che va al Grande Fratello. Nonostante sia rammaricato dalla pessima capacità di intrattenere le pubbliche relazioni del collettivo Gunpania, resta immutato il mio intento di diffondere qualsiasi attività di comunicazione degna di nota di cui si faranno portavoce.

Share and Enjoy

  • Il progetto Gunpania puzza di lucro e spettacolarizzazione da parecchio… Per me non dici niente di nuovo. ;-)

  • Ci avevo creduto. :(

  • ker

    concordo con l’articolo.

    All’inizio questo collettivo Gunpania faceva anche azioni condivisibili di sensibilizzazione ma adesso molto spesso sfocia in affermazioni non totalmente sopessate. anche a me è capitato di rispondere in un commento in maniera critica ma sempre educata e la loro risposta è stata l’offesa.
    Per quanto riguarda la questione del Gf sinceramente non me ne frega niente; rispetto il ragazzo per la forza di volontà di non farsi risucchiare dal vortice della delinquenza ma la sua partecipazione è una speculazione da parte di Endemol.

  • POsso dire la mia? Ilfatto è che tutti stanno travisando le mie parole per il puro gusto di attaccarci, cioè io dico che NAndo Giordano nel suo Piccolo, ha raggiunto un su Obiettivo,( CIO’ NON SIGNIFICA CHE DEBBA ESSERE l’OBIETTIVO DI TUTTI I …MERIDIONALI, MA COMUNQUE RAPPRESENTA UN MERIDIONALE CHE DIC EDI NO E PERSEVERA NELLA LEGALITA’) nonostante sia cresciuto in un contesto difficile, e dico che è un esempio da seguire. Non perchè sta nel Grande Fratello ma perchè vi assicuro che e difficile non prendere come modello tuo padre e la gente che ti circonde, devi avere carattere.
    Ora i piu intellettuali e piu ”Integri” o ”Integralisti” non si sentono rappresentati da Nando Giordano, perchè secondo loro ha fatto una scelta da Persona Normale non una scelta da Eroe, Beh signori, lasciatevi dire ua cosa, Chi non ha mai vissuto in determinati ambienti, può solo giudicare da Buon Borghese, chi dice che non sia un esempio da seguire è lo stesso che si arma di fiaccole e sfila in corteo contro la camorra, eventi fini a se stessi che non risolvono il punto. Dire di No, come ha fatto questo ragazzo, che aveva tutte le carte in rgola per proseguire l’eredita paterna, il suo No vale tantissimo non venitemi a dire che è normalità. Per Vittorio di estrogeni voglio dire una cosa, Nando Giordano rappresenta ciò che Gunpania ha sempre comunicato, che si puo vivere diversamente anche se si proviene da un determinato contesto sociale. POi se volete dire che il mio contraddittorio è misero e che voglio lucrare, fate pure ma ricordate una cosa, se i concetti espressi da Gunpania tramite la sua comunicazione, vi fossero arrivati da qualche giornalista d’inchiesta, allora in quel caso non avresti mai detto che ci potesse lucrare sopra. Perchè gli altri fanno tutto Gratis, vivono d’aria, Giornalisti e intellettuali compresi. Secondo Voi INTEGRALISTI DEL SOCIALE di cosa si vive? di Aria, o di Guadagni?

  • per Kawakumi. Kawakumi tu vivi d’aria fammi capire? Noi qua ci svegliamo e lavoriamo, scusa tanto se sfruttiamo le nostre doti e lanciamo messaggi, e contemporaneamente cerchiamo di non fare andare i camerieri dopo lauree master e specializzazioni e stage.
    Mo ci mettiamo lanciamo bei messaggi, bei video, belle cose, Gratis, perchè cè kawakumi che crede che il tecnico del montaggio non va pagato, non va pagata la benzina per andare ad Atrani a parlare di una tragedia, non va pagata la consulenza di un geologo, per ribadire che in campania Regna l ‘abusivismo e che tragedie come quella si ripeteranno. Scusa se vogliamo controinformare. Ma tutto cio costa? O credi che si vive nell’epoca del baratto?

  • Dopo aver lavorato e studiato, ho avuto la fortuna di trovare questa occupazione. Un lavoro che la mia terra non mi avrebbe mai dato in tempi così brevi. VITTORIO , Ti ricordo che io mi faccio nel c*** qui, per crescere io professionalmente e far crescere il territorio. Io ho fatto una scelta dura, non ho fatto la scelta piu semplice.

  • Ciao Gunpania, come al solito sai che su questo blog ogni discussione è la benvenuta. Ma ti prego di mantenere un linguaggio congruo.
    Grazie

  • perchè non mi pubblichi le risposte e ne pubblichi altre?

  • perchè scusa sono stato maleducato, fammi vedere dove, e ti chiedo scusa, ma se cosi non è, non partire prevenuto, ho risposto alle ose che hai scritto sul post, in maniera educata e civile.

  • Francesco

    Ammetto di aver avuto qualche difficoltà nel leggere la risposta di @Gunpania, ma credo di aver capito il senso. L’errore, secondo il mio poco intellettuale ma per niente integralista parere, risiede nel fatto di sostenere una causa senza mettere in tavola delle prove. Diciamo che si sostiene per sentito dire. Non si può affermare che quest’uomo sia il portavoce di una generazione che nelle difficoltà ha continuato a lottare senza cedere alla strada “facile” della malavita, ma senza mettere in gioco prove da valutare.
    Nando può aver fatto la scelta giusta, ma io posso non ritenerlo un vessillo della legalità e non perché si sia venduto al capitalismo dell’Endemol generation, ma perché non ci sono i fatti. Nando per me ha lo stesso potenziale di tutti quelli che hanno fatto i bagagli per non soccombere a un territorio infame. Hanno lo stesso valore, ma con una visibilità diversa. Io punto e sostengo chi in una visibilità inferiore, continua a lottare, a credere e a sognare di tornare al Sud perché osare lì avrebbe un’enorme spessore culturale.

  • Credo che la dialettica sia il sale della democrazia, quindi Gunpania fidati che le tue risposte sono tutte qui. Ti ripeto, ti chiedo la cortesia di continuare a mantenere un linguaggio moderato.
    Grazie

  • hai difficolta a capire il mio post perchè, l ho scritto velocemente, col cuore, e non con la forma, poi a quanto pare embra che sia un problema di visibilità, se inferiore va bene, se superiore no.
    Io ( COme Nando) lotto qui a Salerno al Sud, Non A Roma o a Milano, e parlo di cose a noi meridionali e campani Vicine, problematiche nostre, tu fai la valigia e vai , io resto qui e ne discuto, ci lavoro, mi ci affiggo, ci convivo e non scappo, ma resto è lotto per migliorare la mia condizione qui a casa mia in Campania a Salerno.
    Cerco di spiegare attraverso i miei video che se il Turismo non funziona, e gli enti preposti rubano soldi, da Salerno i giovani professionisti devono emigrare per lavorare, quindi se permetti parlo anche della vostre condizione e del perchè tanti laureati debbano andarsene, poi tornando a Nando, vuoi le prove? Che dirti, questa è la conferma che abbiamo un altro background sociale, io che sono stato sempre in strada e ho frequentato gente di ogni estrazione sociale (BUONI WAGLIUN E MALAMENT), so per certo che Nando, è sempre stato uno che è vissuto nella legalità, ah e cmq ho gia pronto un video per dimostrarlo. che dire a vostro malgrado continuate a seguirci.

  • Non fare il formale, affronta la questione per quella che è, non per la forma o la dialettica che ha.

  • Vincenzo Giordano

    Conosco Nando di persona e so per certo che è un ragazzo bravissimo, si è dato sempre da fare guadagnandosi la “pagnotta” lavorando onestamente, come tutti dovrebbero fare. Ciò che gli fa onore è che pur venendo da una famiglia “particolare” ha preferito rimanere sempre sulla retta strada. Oggi sono felice per lui perché ha realizzato come dice “il suo sogno”, ma a mio avviso non è da prendere come esempio. Chi ha come aspirazione entrare nella casa del GF non è un esempio da seguire, perché è semplicemente il prodotto di questa società contaminata, in cui i giovani sono ammaliati da queste false opportunità offerte da questi venditori di sogni che ci governano e controllano i media (le due cose oggi giorno sono direttamente proporzionali). Distolgono la nostra attenzione dai veri problemi del paese con questa tv spazzatura. Per me l’esempio da seguire è Vittorio, sono i suoi colleghi, che finiti gli studi hanno avuto il coraggio di mettersi in gioco e andare via lontani dalla propria terra. Vittorio ha detto che ha avuto la fortuna di aver trovato un lavoro.. bhè a mio avviso la fortuna aiuta gli audaci…

    Saluti

  • da un commento sul blog: http://www.gunpania.it
    E si stanca anche chi legge di un sud che va riportato in auge prendendo a modello un giovane del Grande Fratello, manco fosse Masaniello! (Lucia Cuozzo)
    (Gunpania) E’ Proprio questo che non avete capito, non perchè sta al Grande Fratello, ma perchè nel Grande Fratello ha trovato un modo per poter dire in Campania o al Sud non tutti i figli di Camorristi, perseverano in quella strada.
    Allora ditemi voi perchè non potrebbe essere da esempio un giovane che vive nella legalità nonostante i trascorsi del padre?
    Perchè sta al Grande Fratello? Allora chi è che è prevenuto in questo caso?
    Chi va al Grande Fratello o chi giudica la persona solo perchè sta in un programma televisivo che non è di suo Gradimento?

  • La forma è tutto ciò che abbiamo per esprimerci. Meglio la curiamo, meglio saremo compresi. Come ti hanno fatto notare tra questi commenti, la tua non è ineccepibile.
    Detto questo, sai che da subito vi ho dato il mio appoggio e mi sono messo a disposizione per quello che potevo a dare visibilità alla vs. causa. Puoi negarlo?
    Quindi, non sono qui a criticare il vs. operato nelle intenzioni, quanto proprio nella forma.
    Come ho detto da subito nel mio commento al tuo post, ti ho fatto i complimenti per l’articolo in quanto ritenevo giusto sottolineare che un ragazzo “sfortunato” non debba essere giudicato per colpe non sue. E mi sembrava di essere stato chiaro.
    Siccome mi sono già espresso alacremente nel post, sulle questioni che hai commentato mi sembra inopportuno approfondire ancora.
    Per il resto, ti rinnovo l’invito a segnalarmi qualsiasi attività lodevole il tuo brand diciderà di portare avanti.
    Magari ne riparliamo davanti ad un caffè quando sono a Salerno.
    Buona giornata
    Vittorio

  • Per Vincenzo Giordano. Se leggi il ns articolo su Gunpania, non si parla bene del Gf. (ANZI) si dice solamente, che c’è Nando Giordano, Salernitano, con un passato difficile in Famiglia e che è un esempio da seguire NON PERCHE’ STA NEL GF.MA PERCHE’ E’ SEMPRE STATO UN RAGAZZO ONESTO NONOSTANTE SUO PADRE, E QUANDO CRESCI IN CERTI AMBIENTI CON CERTI MODELLI, CRESCERE ONESTAMENTE E’ MOLTO PIU’ DIFFICILE DI CIO CHE CREDIAMO. E IO VOLEVO SEMPLICEMENTE DIRE CHE NANDO E’ UN ESEMPIO PER IL SUD PER LE SUE SCELTE DI VITA. ORA AD UN RAGAZZO DEL GENERE, LA PARTECIPAZIONE AL GF (SECONDO VOI) PUO’ ROVINARE TUTTA LA SUA INTEGRITA’?

  • La ns forma è Popolare, perchè il mio target è il popolo, e credo che cio si evinca dalla ns comunicazione.
    Se usassi termine come ad esempio, Alacremente, credo che ci seguirebbero 10 persone :)
    Detto Questo se ti avessi risposto dal vivo come ti ho risposto nel mio blog, avresti capito il senso di ciò che volevo dirti, senza badare alla forma, perchè avresti carpito l’essenza anche dal tono con cui te l’avrei detto.
    E di conseguenza non sarebbe nato il diverbio, con commenti e quant’altro.
    Ti aspetto per il caffè a Salerno ovviamente in Campania, anzi in Gunpania.

  • Alfredo

    siamo stati tutti ragazzi, siamo stati tutti ragazzi di strada (chi, come Vittorio, a Mercatello, Salerno; chi, come me, a Ponticelli, Napoli); siamo stati tutti convinti, perché ragazzi, del bene e del male.
    ci accomuna, per fortuna, anche la vocazione, quella di far crescere – in punta di fatto e di diritto, si direbbe nei paesi di Common law – la nostra terra. dove, poco importa che non ci siamo noi. ci sono, infatti, i nostri più cari, tra parenti e amici. e tanto basta.
    se, però, questa sincera vocazione si alimenta di costante e pura provocazione (di per sé, semanticamente direi, insincera ed esagerata ma non è una colpa…), diventa autoreferenzialità e null’altro. si avviluppa in una contorsione che necessita poi di vie d’uscita moralistiche (a qualcuno di voi, interessa? penso di no…), con il rischio reale di perdere contatto con i problemi.
    il problema non è il Grande Fratello.
    il problema non è il guadagno lecito.
    il problema non è chi parte e chi resta.
    il problema non è il figlio.
    il problema – non dimentichiamolo – è il padre.
    a questo problema, occorre trovare una soluzione. mettendo in discussione e mettendosi in discussione, sempre. sforzandoci di dare un senso concreto alla nostra vocazione.
    anche rischiando l’impopolarità

  • Si rischia l’impopolarità anche prendendo le difese di un ragazzo, che va a fare un reality show.

  • ci sono, infatti, i nostri più cari, tra parenti e amici. e tanto basta.
    Loro sono li e se chi è professionista se ne va altrove, difficilmente anche la loro condizione migliorerà.
    importa altro che, Importa e come.

  • la retorica appartiene ai giorni nostri, non voglio essere fazioso dico solo il mio punto di vista dopo aver letto ciò che si è scritto nella discussione precedente; concordo con ki pensa che Nando non sia un modello da seguire e che nn è lo stendardo di un territorio difficile dove non sono tutti uguali, tanto di cappello per la scelta che ha fatto, decidendo di farsi una vita sua, ma è la scelta di una persona con cervello non la scelta di un genio.
    Il gioco della strumentalizzazione è sempre dietro l’angolo e il GF ha fatto questa scelta non perchè ha visto in Nando il caro ragazzo che è (lo conosco) ma ha scelto il personaggio da mettere in piazza.
    Gli steriotipi della movida, della città che non offre nulla, ecc ecc servono a chi fa morale, non ho letto moralismi fino ad ora ed ecco che credo solamente che ci possano essere correnti di pensiero differenti, modi di agire differenti, ma che scegliere la strada più facile (GF) rappresenta quelli che tu definisci i tipi che seguono il calcio su Sky e scaricano i film sul mulo. Io andavo allo stadio a vedere la partita e scavalcavo perchè non tenevo una lira e perchè faceva cool da ragazzo di strada, adesso mi so fatto nel culo, lavoro e posso permettermi sky, giro x salerno e bevo cocktail ma non mi sento un conforme alla società. Un vecchio libro letto tempo fa diceva che oggi si insegna la circostanza e non la coerenza…
    chiudo questo intervento con una pubblicità che ho visto in questi giorni dove il narratore racconta: “Al diavolo il tempo che passa, le feste comandate i regali azzeccati, al diavolo i comuni mortali fare su e giù per le vie del centro, al diavolo le conference code i social network gli arrampicatori sociali, i vernissage pieni di umani intenti a bere cocktail annacquati, al diavolo latin jazz lounge music il sushi del venerdì e il brunch la domenica. il futuro appartiene a chi ha il coraggio di essere differente”….

  • altrimenti non ci chiamavamo Gunpania, la nostra comunicazione sono le difficoltà del popolo, la nostra mission la conoscete, se ce ne fossimo andati, beh, non credo che avremmo potuto parlare di ciò e alimentare la ns vocazione. Io sto ancora dietro a gente che vuole il logo per la su apizzeria e vuole risparmiare..perchè da noi si usa così e se sei di Ponticelli lo sai bene…I manuali ci parlano di briefing e brainstorming..Qua si parla ancora con il..Vuttamm e Mman e jamm a verè addo fa iuorn’.
    Differenti Realtà, ma secondo voi dfi estrogeni stesse problematiche, secondo noi di Gunpania No.
    E credo che lo dimostriamo giorno dopo giorno, quindi non veniteci a dire ( Non voi in qst caso) che lucriamo, tutti che si scandalizzano appena vendi qualcosa, appena riescii a far funzionare la macchina del marketing, sono tutti li a dirti CHE SCHIFO quello vuole lucrare..allora caro Alfredo…detto Napulitanamente..A CHE STAMM? DI CHE STIAMO PARLANDO..?

  • peppone

    Sentite io non ci sto a capire niente…anche perchè non ho la tv. Quindi o qualcuno di buona volontà mi fa un riassunto comprensibile (tipo: soggetto, predicato e complemento) o confermo tuta la mia sfiducia nei social etc.: post ergo sum